La maggior parte delle donne ha un rapporto conflittuale con gli effetti del tempo sulla pelle ed è sempre alla ricerca degli ultimi trattamenti viso antiage. Questo anche per un determinato retaggio culturale che vede la donna come una bambolina sempre perfetta. Già da qualche decina di anni le cose sono lentamente cambiate. Sono sempre di più le donne che sfoggiano con orgoglio rughe e capelli bianchi, che accettano l’invecchiamento come una parte naturale della vita. Questo non significa lasciarsi andare e non curarsi più del proprio aspetto, ma piuttosto cercare di essere la migliore versione di noi stesse, quella che ci fa sentire più a nostro agio.

Antiage, non antirughe

Non si parla più solo di “antirughe”, l’approccio è più ampio, si parla di “antiage”. Si, perchè le rughe non sono l’unico effetto dell’invecchiamento della pelle, ci sono molti altri aspetti da tenere in considerazione. Ci sono donne per cui le rughe sono un cruccio fastidioso e altre che invece vorrebbero solo un aspetto più luminoso e fresco, indipendentemente dalle rughe.

Oggi ci sono prodotti per trattare ogni singolo aspetto dell’invecchiamento del viso:

  • antiossidanti, che contrastano l’insorgenza dei radicali liberi, principale causa dell’invecchiamento cellulare
  • rassodanti, che contengono un mix di attivi per mantenere la pelle tonica e compatta
  • anti-macchia, per contrastare e minimizzare le discromie e idratare in profondità
  • leviganti, per affinare la grana della pele, ridurre i pori e ottenere un aspetto più giovane e fresco
  • effetto lifting, per un effetto wow istantaneo, ma anche temporaneo. Spesso contengono acido ialuronico, che contribuisce a distendere i lineamenti e attenuare le rughe
  • antirughe, che combattono e attenuano la formazione di rughe con principi attivi come il collagene, che la pelle produce sempre meno con l’età

Quali sono i fattori che incidono sulla comparsa delle rughe?

Al primo posto, purtroppo o per fortuna, c’è la genetica. C’è chi nei geni ha scritto “bella pelle” e altre che hanno scritto “acne”, “invecchiamento precoce” e rughe. Ci sono alcune fortunate che anche in età avanzata avranno poche rughe e una pelle luminosa e altre che già da giovani dovranno combattere con acne, rosacea, pelle disidratata e altre problematiche.

A pari merito con il fattore genetico c’è lo stile di vita, che influisce decisamente sull’aspetto della nostra pelle. Facciamo un lavoro sedentario, al chiuso, oppure abbiamo sempre lavorato all’aperto e siamo state esposte alle intemperie, magari senza protezione solare? Fumatrice o non fumatrice? Anche l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale: il junk food ha come risultato una pelle impura e problematica, mentre un regime alimentare sano porta ad una pelle omogenea e luminosa. Così come l’apporto di acqua, è ormai risaputo che bere molto fa benissimo alla nostra pelle.

Intervengono anche fattori di salute, come problemi ormonali o di circolazione, o l’uso di determinati farmaci, che possono disidratare la pelle e predisporla così ad invecchiare più in fretta. Su questi abbiamo poco controllo, possiamo solo cercare di mantenerci più in salute possibile.

E infine c’è la cura della pelle, ovvero come abbiamo trattato la nostra pelle nel corso della vita?

Devo ammettere anche in questo caso che ci sono donne che non hanno mai usato nient’altro che la Nivea nella storica confezione blu e hanno una bellissima pelle. Quella è genetica. Se per tutta la vita ti spalmi paraffina liquida sul viso e hai una bella pelle, è genetica.

In generale se nel corso degli anni la pelle viene curata in modo adeguato, ovvero detersa, esfoliata e idratata a dovere, i risultati si vedono. Se la pelle mantiene il suo naturale equilibrio idrolipidico, seguirà il naturale corso dell’invecchiamento. Se vogliamo invertire la rotta e rallentare questo processo serve invece qualcosa in più.

Ad esempio, con l’età la pelle tende a produrre sempre meno collagene, che è il legante delle nostre cellule, e per rallentare il processo d’invecchiamento dobbiamo fornirlo al nostro corpo in altro modo. Dall’esterno con creme e cosmetici e dall’interno con integratori.

Quando le rughe ci sono già, che armi abbiamo a disposizione per minimizzarle?

Dipende ovviamente dal tipo di ruga: ci sono rughette da disidratazione, oppure le famose “rughe d’espressione”, alcune appena accennate ed altre più profonde.

I rimedi a disposizione sono:

  • cosmetica, ovvero creme, sieri e maschere effetto lifting, che contribuiscono a distendere e riempire le rughe per un aspetto più giovane. Ci sono prodotti che servono per una cura quotidiana e risultati a lungo termine e altri che hanno un effetto istantaneo e durano poche ore.
  • make up, con giochi di ombra e luce possiamo rendere il viso più luminoso e fresco, ma si tratta comunque di un’illusione ottica, il trucco non può andare a correggere i volumi del viso.
  • massaggio/ginnastica facciale, ci sono determinati esercizi da fare con i muscoli del viso che se fatti costantemente possono aiutare a mantenere il viso tonico. Non faranno miracoli, ma sarebbe un buonissima abitudine da introdurre nella nostra skincare routine. Sonia ci ha mostrato un tipo di massaggio speciale che ha un effetto rimodellante immediato sul viso, dal quale possiamo trarre spunto per applicare le nostre creme quotidianamente.
  • infine medicina estetica, quando tutto il resto non funziona e vogliamo un risultato duraturo. La medicina estetica è sempre alla ricerca di nuovi trattamenti viso antiage, sempre meno invasivi e che regalino un risultato naturale. I due trattamenti viso antiage più conosciuti sono sicuramente i filler e il botox, il primo va a riempire il solco formato dalla ruga e la distende, mentre il secondo va a ridurre la contrazione di determinati muscoli facciali per evitare la formazione di nuove rughe. Non sono interventi particolarmente rischiosi, ma se fatti male il danno può essere davvero grosso. Ritrovarsi con un viso nel quale non ci si riconosce è terribile da tanti punti di vista, quindi è bene rivolgersi ad esperti con esperienza e professionalità.

Quindi, nel quotidiano cosa possiamo fare per contrastare l’invecchiamento del viso?

  1. Idratare e nutrire la pelle con creme specifiche come ad esempio la Caviar Firming Cream di Ilaire che ha un’azione idratante, tonificante e stimola la produzione naturale di collagene.
  2. Applicare le creme con un massaggio specifico che tonifichi i muscoli del viso, dreni il ristagno di liquidi e distenda le rughe
  3. Proteggersi sempre dal sole, per evitare la formazione di macchie
  4. Periodicamente valutare se è necessario un trattamento più profondo come un peeling per aiutare il rinnovo cellulare e migliorare la grana della pelle
  5. All’occorrenza utilizzare una maschera illuminante come la Masque Pigm 400 di Biologique per un effetto wow immediato
  6. Eseguire quotidianamente esercizi di ginnastica facciale per tonificare i muscoli del viso
  7. Seguire un’alimentazione equilibrata e mantenersi idratati
  8. Affidarsi ad un esperta come Sonia per valutare le necessità specifiche della tua pelle.